logo_3.fw.png

NewsLetter

Isciviti alle nostre newsletter
Privacy e Termini di Utilizzo

Effettua il Login per visualizzare correttamente gli allegati

Impugnazione "al buio" della cartella di pagamento ed onere probatorio del resistente.

Giurisprudenza | n. Allegati 1 | dott.ssa Samanta Camarda

- Si segnala una interessante sentenza della C.T.P. di Salerno che ha statuito in favore del contribuente, argomentando in ordine all'assenza di litisconsorzio necessario tra agente della riscossione e agenzia delle entrate, e all'omessa prova tanto della notifica delle cartelle di pagamento (non superabile con la produzione in copia fotostatica degli estratti di ruolo), quanto del fatto costitutivo, debitamente contestato dal ricorrente con ricorso introduttivo.

Il decidente, disponendo favorevolemente al contribuente, ha dichiarato che:

- contrariamente a quanto lamentato dal resistente, non sussiste alcuna ipotesi di litisconsorzio necessario tra agente della riscossione ed agenzia delle entrate; in ragione di ciò era preciso onere del resistente riscossore chiamare in causa l'agenzia delle entrate. Non avendolo fatto, risponde delle conseguenze della lite;

- sulla produzione documentale offerta in allegazione dell'agente della riscossione, afferma che: "non appare possibile, anche da un punto di vista logico, fornire la prova della notifica delle cartelle esattoriali producendo una fotocopia dell'estratto di ruolo ed una fotocopia di una relata di notificazione delle cartelle, il tutto in presenza della contestazione da parte del contribuente di mancata notifica della cartella e dell'invito all'esibizione del relativo atto ex art. 26, comma 4, DPR 602/73. Invero, la produzione dell'estratto di ruolo non è equivalente alla produzione della cartella esattoriale atteso che l'estratto di ruolo non contiene tutte le indicazioni obbligatoriamente prescritte dall'art. 25 del D.P.R. 602 del 1973, nè gli elementi di cui al D.M. 03.09.1999 n. 321";

- sulla contestazione afferente al fatto costitutivo dell'avanzata pretesa, la cui esistenza è stata espressamente contestata dal contribuente, in ossequio al disposto di cui agli art. 115 c.p.c. e 2697 c.c., afferma che "incombe sull'ufficio impositore l'onere di fornire dimostrazione dell'esistenza del fatto costitutivo contestato." 

In allegato, la sentenza 16.11.2016 n. 6421 in commento.

Dott.ssa Samanta Camarda

____ 

Ti ricordiamo, gentile utente, che le sentenze ivi allegate sono di libera fruizione, previa iscrizione gratuita al sito. Pertanto, se non sei ancora registrato clicca QUI

15
Set
Bologna
-
Bologna
Data: 15 Settembre 2017, 09:30
Scuola di Alta Formazione e Specializzazione Professionale in Diritto Tributario

20
Set
Sala del Consorzio Terfidi
-
Nuoro
Data: 20 Settembre 2017, 09:30

22
Set
Hotel Parco dei Principi
-
Bari
Data: 22 Settembre 2017, 09:30

25
Set
Grand Hotel Baia Verde
-
Catania
Data: 25 Settembre 2017, 09:00

27
Set
Savhotel
-
Bologna
Data: 27 Settembre 2017, 09:30