logo_3.fw.png

NewsLetter

Isciviti alle nostre newsletter
Privacy e Termini di Utilizzo

Effettua il Login per visualizzare correttamente gli allegati

Preavviso di fermo amministrativo nullo, se il Riscossore, a seguito di formale disconoscimento del contribuente, non produce gli originali delle relate.

Giurisprudenza | n. Allegati 1 | Avv. Giuseppe Chiaramonte

In continuità con l’ormai consolidato orientamento giurisprudenziale di legittimità, il Giudice di Pace di Catania, ha annullato il Preavviso di Fermo Amministrativo impugnato per non conformità agli originali delle copie fotostatiche delle relate di notifica - tempestivamente disconosciute - afferenti alle prodromiche Cartelle di pagamento ritenendo, per l’effetto, non provata l’intervenuta interruzione dei termini di prescrizione.

La vicenda trae origine dalla notifica di un Preavviso di Fermo a seguito della cui impugnazione l’Agente della Riscossione, a fronte dell’eccezione di omessa e/o irrituale notifica degli atti presupposti, allegava copie fotostatiche di relate di notifica afferenti alle Cartelle di pagamento sottese, recanti un generico timbro di attestazione dell’Ente riscossore.

Il Giudice adito, a fronte del tempestivo, formale e non equivoco disconoscimento operato dal sottoscritto procuratore, ne ordinava l’esibizione in originale, concedendo termine per la produzione.

Alla successiva udienza, il procuratore di parte avversa adduceva, a giustificazione della mancata ottemperanza all’Ordinanza istruttoria, i recenti trasferimenti di sede che avevano frattanto interessato Riscossione Sicilia S.p.A. di Catania. Nonostante l’ulteriore rinvio disposto dal Decidente, alcuna documentazione in originale veniva versata in atti dalla resistente.

Orbene, in ordine alla quaestio della legittima o meno autenticazione (timbro), osserva il Giudice di Pace adito che: “… avendo parte opponente disconosciuta in modo formale e, quindi, in modo specifico e non equivoco, sin dalla prima udienza la produzione delle suddette fotocopie, sarebbe stato onere del concessionario depositare gli originali delle relate di notifica, per cui in mancanza di tali atti non vi è prova del corretto espletamento dell’ulteriore attività di riscossione collegata alla notifica del preavviso di fermo amministrativo. Al mancato deposito, da parte del concessionario, degli originali, ben può considerarsi l’inesistenza della prova delle notifiche limitatamente alle cartelle di cui alle sanzioni per violazione al codice della strada. Per quanto sopra, l’opposizione trova motivo di accoglimento …”. (Cfr. GdP Catania, sent. 23.03.2018, n. 625)  

Ed allora, se l’Agente della riscossione non produrrà in giudizio una copia autenticata da un pubblico ufficiale di cui agli artt. 18, co. 2 del D.P.R. n. 445/2000 e 357 c.p., il disconoscimento si traduce, ai sensi dell’art. 2712 c.c., nella inutilizzabilità delle copie prodotte che restano, dunque, prive di rilevanza probatoria.   

                                                                                                                                                            Avv. Giuseppe Chiaramonte

In allegato, la sentenza in commento.  

____  

Ti ricordiamo, gentile utente, che le sentenze ivi allegate sono di libera fruizione, previa iscrizione gratuita al sito. Pertanto, se non sei ancora registrato clicca QUI 

23
Mag
Napoli
Data: 23 Maggio 2018, 09:30
Scuola di Alta Formazione e Specializzazione Professionale in Diritto Tributario - Corso Appello

25
Mag
Reggio Calabria
Data: 25 Maggio 2018, 09:30
Scuola di Alta Formazione e Specializzazione Professionale in Diritto Tributario

30
Mag
Bari
Data: 30 Maggio 2018, 09:30
Scuola di Alta Formazione e Specializzazione Professionale in Diritto Tributario - Corso Appello

01
Giu
Grand Hotel Baia Verde
-
Aci Castello
Data: 01 Giugno 2018, 09:30
Scuola di Alta Formazione e Specializzazione Professionale in Diritto Tributario

06
Giu
Cagliari
Data: 06 Giugno 2018, 09:30
Scuola di Alta Formazione e Specializzazione Professionale in Diritto Tributario (Formula Breve)